Sei in » Politica
07/04/2017 | 17:35

A rispondere alla frecciatina di Flavio Briatore che ha dichiarato di avere non poche difficoltà a reperire in Puglia il personale qualificato per il suo Twiga Beach è l?assessore al lavoro e alla Formazione della Regione Puglia, Sebastiano Leo.


L'assessore regionale al lavoro e alla Formazione Professionale Sebastiano Leo


Dalla Puglia. Ogni volta che Flavio Briatore apre bocca, l’eco delle sue parole indignano e offendono il Salento. L’imprenditore, pronto a sbarcare a Otranto con il suo Twiga Beach, aveva già fatto discutere quando aveva sminuito il modello turistico che ha consentito a questa terra di conquistare la ribalta nazionale e internazionale. Secondo il Patron del Billionaire, le spiagge da sogno, il mare che fa invidia a ben più rinomate località, la cucina che ha sedotto anche i palati più sofisticati e la storia di questo territorio non bastano a convincere chi ha i soldi e cerca notti folli e champagne in cui ‘sponsare frise’ a trascorrere una vacanza in Salento. Questa volta la polemica è scattata dopo che, a suo dire, avrebbe avuto difficoltà a trovare in Puglia personale qualificato per la sua struttura extra-deluxe. Apriti cielo.
  
A replicare al manager di Verzuolo, è direttamente la Regione Puglia in una ‘piccata’ nota dell’assessore al lavoro e alla Formazione, Sebastiano Leo: «Il calore della nostra accoglienza, la bellezza dei nostri luoghi, il gusto dei sapori del nostro territorio hanno reso in questi anni il Salento meta turistica tra le più ambite. Del resto, se così non fosse, Briatore non avrebbe certamente scelto il Salento come luogo in cui far sorgere il suo Twiga, né avrebbe avuto l'aspirazione di condurre qui flussi turistici di fascia medio-alta» ha esordito l’assessore “dispiaciuto” dalle affermazioni dell’ex team principal in Formula 1.
  
Così senza la presunzione di avere la verità in tasca e dopo aver elencato i punti di forza della Puglia e i ‘soggetti’ che a vario titolo hanno contribuito al suo successo l’assessore ha deciso di invitare Flavio Briatore a presentare le proprie istanze in materia di formazione: «il nostro sarà un orecchio attento, allo scopo di migliorare il sistema turistico pugliese e incrementare le opportunità occupazionali dei giovani» ha detto.
  
Di più «Se Briatore ritiene opportuno, possiamo sottoporgli decine e decine di curricula: ci indichi lui le criticità nei profili dei nostri ragazzi e provvederemo a pianificare misure per il rafforzamento delle loro competenze. Noi siamo qui, con umiltà, senza la boria di chi pensa di avere in tasca la verità, ma pronti al dialogo, per allargare gli orizzonti del Salento e della Puglia».




Autore: A cura della Redazione

0 commenti inseriti
Hai gradito l'articolo? Commentalo! |